Camminare al Gorzente.

Siete in cerca del giro perfetto per una domenica di sole, da concludere magari con un bel bagno? Eccolo: si tratta del Sentiero Naturalistico del Gorzente, che noi – in compagnia di una coppia di amici – abbiamo rimaneggiato qualche settimana fa a nostro piacimento.

I Laghi del Gorzente (Lungo, Badana e Bruno), dei quali ho già parlato altre volte ad esempio qui, sono tre invasi dell’Appennino Ligure che alimentano gli acquedotti di Genova. Il Sentiero Naturalistico avrebbe inizio dalla località Prou Renè, sulla strada provinciale dei Piani di Praglia (località che si trova in effetti in provincia di Genova) e da lì si sviluppa lungo un percorso ad anello, toccando due dei tre laghi. Ma dato che noi siamo più vicini al paese di Voltaggio (uno degli ingressi al Gorzente ma in provincia di Alessandria), preferiamo partire da lì, cambiando così la struttura del percorso.

Per le informazioni precise sul vero Sentiero Naturalistico bisogna rivolgersi alle guide CAI!

Partiamo dunque una domenica mattina dalla Baita Rio Gorzente, situata fuori Voltaggio, e ci infiliamo sulla sterrata che ci porta velocemente in cresta. Il sentiero prosegue tra una chiacchiera e una spalmata di crema solare (che non mi sarà sufficiente…) e in poco tempo raggiungiamo il “bivio” con i segnavia che indicano Monte Tobbio da un lato e Monte delle Figne dall’altro. Noi scegliamo le Figne e ci lasciamo alle spalle la chiesetta del Tobbio (che vista!).

Pranziamo al sacco vicino alla splendida Cascina Carrosina attualmente in ristrutturazione e poi iniziamo la salita. Implacabile, sotto un sole cocente e che ci fa bollire dentro i vestiti! E ovviamente ci basta arrivare in cima per far annuvolare tutto – nuvoloni bianchi si arrampicano su per le colline, coprendo la visuale sui laghi del Gorzente. Ma nonostante questo, in cima si sta bene e ci riposiamo dopo la scarpinata.

Il sentiero prosegue in piano e sempre affiancato da nebbie e nuvoloni, anche se in lontananza sembra luccicare l’azzurro dei laghi. Siamo fiduciosi! Camminando, arriviamo al Rifugio CAI Bolzaneto (che era stato il nostro riparo fortuito la notte che avevamo dormito con il tarp), carichiamo un po’ d’acqua al vicino torrente e – dopo un pezzo di cioccolato – ripartiamo. E’ già metà pomeriggio, siamo in giro dalle 9.30 e i nostri amici iniziano ad essere giustamente un po’ bolliti, decidiamo quindi di non passare dai Piani di Praglia (ecco la modifica al Sentiero originale) e di scendere direttamente verso uno dei Laghi, il Bruno.

Giriamo dietro al Rifugio e da lì scendiamo in mezzo ai prati verso i laghi: finalmente il cielo schiarisce un po’ e li vediamo sotto di noi. Che spettacolo! Ma arrivati al Lago Bruno le cose sono un po’ cambiate da come le ricordavamo: ci sono nuove e più sicure passerelle che permettono di attraversare la diga e il ruscello che un tempo si poteva tranquillamente superare, ora – con l’apertura della diga e il temporale del giorno precedente – è una cascata maestosa. Impossibile camminarci attraverso!

Siamo quindi costretti a tornare indietro sulla passerella e a cercare di scavalcare il colle che abbiamo davanti, l’unica è arrampicarci in salita e scendere dall’altro lato! E’ la goccia che fa traboccare il vaso: dopo questa scalata i nostri amici cedono e da lì alla Baita – dove ritorniamo a conclusione dell’anello – non si godono più nulla.

Ed è un vero peccato, data la magnificenza che abbiamo davanti: il fiume è carico come non l’abbiamo mai visto, il laghetto dove di solito ci fermiamo per fare il bagno ha l’argine più alto di almeno mezzo metro, si vedono dei pesci nuotare tranquilli nelle acque pulite e il fragore delle innumerevoli cascatelle ci accompagna fino alla fine del sentiero.

Arriviamo alla macchina dopo 8 ore di cammino e un totale di 21 km (più una bella abbronzatura a strisce che mi porto addosso ancora adesso), a casa ci aspettano solo una doccia e una pizza. E una sonora dormita!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...